Ambrosi: “Biblioteche, teatri e strutture culturali: approvata mozione della Lega per garantirne la funzionalità”

PRIMA SEDUTA CONSIGLIO PROVINCIALE DOPO ELEZIONI OTTOBRE 2018 / in foto ALESSIA AMBROSI FOTO DI ALESSIO COSER

“Sono davvero molto soddisfatta per l’avvenuta approvazione, ieri in Consiglio provinciale, della Proposta di mozione n. 46/XVI, che da un lato impegna la Giunta «a promuovere un confronto con il Consiglio delle autonomie locali al fine di definire le modalità d’intervento atte a garantire la piena funzionalità degli spazi culturali – teatri, biblioteche, piccoli musei, centri culturali – presenti sul territorio provinciale» e, dall’altro, chiede alle «strutture provinciali competenti di procedere con la mappatura di tali spazi culturali, descrivendo le loro condizioni attuali, le modalità e la quantità di utilizzo».

L’importanza di tale documento – sottoscritto da tutti i consiglieri del Gruppo Lega Salvini Trentini e di cui ero orgogliosamente prima firmataria – deriva dal fatto che, anzitutto, esso ricorda un aspetto decisivo: per fare cultura, occorre che il territorio e, in ultima analisi, i cittadini siano messi nelle condizioni di avere strutture e servizi all’altezza; non solo cioè costruiti, ma anche funzionanti e operativi. Se infatti da un lato, negli ultimi venti anni la Provincia – soprattutto gli enti locali – hanno investito tanto in costruzione ristrutturazione di spazi dedicati alla cultura e allo spettacolo, dall’altro ci si è focalizzati, appunto, molto sulle strutture sottovalutando aspetti gestionali e la funzionalità che sono a dir poco fondamentali.

Sono così venuti meno aspetti cruciali – ai quali si è pensato poco, male o tardi -, come lo studio progettuale e funzionale degli spazi; spazi che, in particolare nei territori di valle e decentrati, sono un bene prezioso non solo in ottica culturale, ma anche comunitaria. Di qui il senso della Proposta di mozione n. 46/XVI: da un lato avere un’immagine chiara della situazione del nostro territorio, dall’altro fare luce su situazioni riscontrate personalmente, come quella del teatro della Valle dei Laghi. Situazione poco chiara e carente di trasparenza come dichiarato in aula. Detto ciò, ricordando che gli spazi culturali sono al servizio dei cittadini e finanziati con i soldi degli stessi contribuenti, non resta che auspicare un’attuazione celere dei contenuti della Mozione, attuazione di cui, sono sicura, beneficeranno tutti i trentini, a partire da quanti risiedono in zone più decentrate e di valle”.

E’ quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Alessia Ambrosi