Dalzocchio: “Su fusione tra Cassa Rurale di Trento e Cassa Rurale Lavis è necessaria chiarezza”

Sulla fusione tra la Cassa Rurale di Lavis e quella di Trento ci devono essere più garanzie possibili, dal momento che sono coinvolti i risparmi di tanti trentini che si sono rivolti negli anni al sistema delle casse rurali. Una Giunta che punta a tutelare il “noi” e a combattere una politica fatta di eccessivi “io” ha il dovere morale di comportarsi in tal modo. Non mi stupiscono del resto le dichiarazioni della senatrice Conzatti, massima esponente in Italia del principio di insindacabilità del mandato parlamentare, contro l’intervento della Giunta nella vicenda. Del resto la storia la ricorderà per essere colei che ha in tutti modi possibili tradito il mandato ricevuto dagli elettori, appellandosi a una norma costituzionale che è da rivedere, tutelando solamente il proprio interesse.

In questi giorni certi interventi a difesa di Ccb, attenti alle sole ragioni espresse da certo credito cooperativo, potrebbero far pensare a posizioni interessate o forse spaventate dal rallentamento del disegno di salvataggio di determinati istituti. Per questo motivo con ancora più insistenza vogliamo, e lo dico a nome dell’intero gruppo consiliare della Lega Salvini Trentino, massima attenzione con la necessità di tutelare sempre il “noi”, inteso come trentini, e non il semplice “io”.

E’ questo quanto dichiarato in una nota dal Capogruppo della Lega Salvini Trentino Mara Dalzocchio