Diego Binelli e on. Vanessa Cattoi (Lega). Pensioni: nessun taglio – il governo Lega-M5S difende i più deboli

A seguito di notizie discordanti circolanti su mezzi di informazione e social network, riteniamo opportuno fare un po’ di chiarezza in merito a quanto contenuto nella manovra di bilancio appena approvata dal governo Lega-M5S.

In primis è doveroso ricordare che la rivalutazione delle pensioni era bloccata dal 2012; bene fa dunque il governo a risolvere una situazione ferma da 8 anni. Va quindi sottolineato che grazie alle misure contenute nella manovra di bilancio, le attuali retribuzioni beneficeranno di un aumento rispetto a quanto percepito nel 2018.

Chi ha preso 800 € riceverà 9 € in più al mese, 1.000 € un aumento di 11 € al mese, 1.200 € un aumento di 13 €, 1.500 € ne avrà 16,5 €, e via dicendo. Nessun pensionato prenderà un euro in meno rispetto al 2018, come invece la disinformazione vuol far credere.

L’adeguamento al costo della vita ci sarà infatti per tutte le pensioni, con rivalutazioni differenziate, che saranno percentualmente più consistenti per le fasce più basse e via via decrescenti per quelle più elevate.

Come si può vedere, quanto attuato dal governo tutela ancora una volta le fasce deboli, in linea con le altre misure contenute nella manovra di bilancio.

*

on. Diego Binelli

on. Vanessa Cattoi