Donne Lega: “Un successo l’approvazione del codice rosso a difesa delle donne”

Siamo estremamente soddisfatte dell’approvazione del disegno di legge “Codice Rosso”, un provvedimento che ha come obietto il rafforzare la tutela processuale delle vittime di reati di violenza. Non si tratta di un fenomeno di poco conto, se si considera che nel 2017 sono state uccise 123 donne di cui più dell’80% da persone conosciute. Attraverso questa legge, saranno puniti anche coloro che non uccideranno ma sfregeranno una donna disponendo la reclusione fino a 14 anni.

La Lega, approvando questo testo, ha dato un doppio slancio alla sicurezza: da una parte ha reso più veloci i tempi per prestare attenzione alle vittime, portando a tre giorni il limite massimo entro il quale ascoltare le persone offese; dall’altra ha contribuito a fare giurisprudenza, introducendo il reato del Revenge Porn. Attraverso il Codice Rosso, infatti, la diffusione di immagini inerenti la sfera sessuale di una persona e lesive della stessa sarà punibile con una multa da 5.000 a 15.000 euro oppure con la detenzione fino a 6 anni. Le pene saranno per di più inasprite qualora l’offendente sia il coniuge o una persona con la quale la vittima intratteneva una relazione stabile.

Ancora una volta, la Lega passa dalle parole ai fatti, come dimostrato anche dalla conferenza stampa dove la grande maggioranza degli intervenuti era donna. Altro che partito maschilista, come ci accusano di essere alcuni! Altro che attenzione alle donne da parte della sinistra, come millantano altri! La Lega non solo guarda alla sfera femminile con attenzione e dedizione, ma sa anche intraprendere dei cammini legali per dare risposte concrete alle istanze di tutte le donne.

È questo quanto dichiarato dalle Donne Lega e dai vertici della Lega Trentino durante la conferenza stampa avvenuta oggi pomeriggio a Trento.