Festini Brosa: “Asili nido: propedeutici per le scuole materne”

Alla luce degli eventi in corso, vista la possibilità della partenza della fase 2, viene subito alla mente l’idea, la possibilità, ma anche il bisogno di riaprire gli asili nido.

Lo si può fare in sicurezza? Certo! La Giunta Provinciale sta lavorando per rendere reale questa risposta ai bisogni delle famiglie.
In questo momento in cui le ordinanze provinciali permettono di tornare al lavoro, l’esigenza di riaprire gli asili nido a scaglioni diventa una priorità. A differenza di ciò che asserisce l’assessore Maule a questo riguardo, noi della Lega pensiamo, anzi, chiediamo, un ragionamento al fine di ottenere la riapertura di questi luoghi didattici a sostegno delle madri lavoratrici.
Sul chi e quanti, la discussione si può aprire; se per settembre, cosa augurabile, la situazione si sarà normalizzata, nulla vieta a tutti gli aventi diritto di poter usufruirne.

Noi sappiamo quanto i bambini siano veloci ad imparare, ad adattarsi e a comprendere; quindi mi preoccupa più il pensiero di una maestra che il comportamento di un bambino. Anche gli educatori in un momento speciale hanno bisogno di attenzioni speciali, sia dal punto di vista dell’insegnamento, sia dal punto di vista personale ed economico.
Non si può pensare, come per altri livelli scolastici, in un momento così formativo attraverso il contatto con le persone di un’istruzione solo attraverso i social media; stesso discorso per le linee telefoniche dedicate.

Non si può pensare che un telefono sostituisca il genitore o l’educatore, quindi è con forza e decisione che prospettiamo la riapertura di questi spazi per i futuri cittadini.

Gianni Festini Brosa