Lega Borgo Valsugana interroga in merito al concorso di stabilizzazione di 3 agenti del servizio di polizia locale della Valsugana e Tesino

E’ stata depositata, da parte dei consiglieri comunali di Borgo Valsugana della Lega Salvini Trentino Sbetta e Trentin, un’interrogazione inerente il concorso indetto all’inizio del 2019 dal Comune di Borgo Valsugana per la stabilizzazione del personale a tempo determinato del corpo di Polizia Locale Intercomunale della Valsugana e Tesino.

“Il Comune ha scelto di indire un concorso riservato solamente a n.3 persone, piuttosto che un concorso pubblico di selezione come è invece avvenuto in altri Comuni del Trentino (tra cui Ala, Mori, Riva del Garda, Storo, Rovereto, Trento, Pergine Valsugana).

“Per fare chiarezza riguardo alle modalità di svolgimento e ai criteri di selezione di tale concorso, nonché al possesso dei requisiti psico-fisici richiesti dal bando da parte dei candidati selezionati, abbiamo interrogato il Sindaco e l’Assessore competente per sapere:

  • quale sia il numero totale di agenti di polizia locale in forza al comando e quanti di questi è impiegabile nel servizio esterno;
  • se vi sono agenti con limitazioni psicofisiche tali da impedirne l’impiego nel servizio esterno e, se sì, se tali limitazioni incidono negativamente sui servizi richiesti dalle amministrazioni comunali;
  • se negli ultimi 5 anni vi sono stati disagi/segnalazioni/lamentele riguardo alla necessità di avere più agenti di polizia locale sul territorio nei singoli Comuni della convenzione, a fronte dei costi del servizio sostenuti dai Comuni stessi;
  • se il personale stabilizzato con l’ultimo concorso interno per agente di polizia locale indetto dal Comune di Borgo Valsugana al momento dell’assunzione era in possesso dei requisiti psicofisici richiesti dal bando;
  • se il personale stabilizzato con l’ultimo concorso interno per agente di polizia locale indetto dal Comune di Borgo Valsugana ha delle limitazioni nel poter svolgere il servizio esterno; in caso di risposta affermativa al quesito precedente,
  • se si ritiene opportuno che il Comune abbia indetto un concorso di stabilizzazione per personale non utilizzabile in servizi esterni, anziché optare per un concorso pubblico per esami come è avvenuto negli altri Comuni della nostra Provincia ed avere una graduatoria ove attingere altre unità per eventuali assunzioni future”.

“Il personale stabilizzato – affermano inoltre i consiglieri Sbetta e Trentin – sembrerebbe impiegato prevalentemente in servizi interni al comando, con mere mansioni d’ufficio, a fronte di una forte necessità di agenti da impiegare in servizi esterni sul territorio. In altri comuni, come Trento e Pergine Valsugana, i concorsi banditi richiedevano una prova di efficienza fisica che, se non superata, precludeva la possibilità di avanzare con le altre prove. Un evidente esempio di due pesi e due misure, con requisiti diversi richiesti per andare ad occupare una medesima posizione. Inoltre, da più di dieci anni, non viene bandito un concorso pubblico per esami per agente di polizia locale (negli anni 2008 e 2009 si era ricorsi a stabilizzazione interna di altro personale)”.

Gruppo consiliare Lega Salvini Trentino Borgo Valsugana