Paoli: “Censire Rom e Sinti per la sicurezza di tutti”

Non capisco le polemiche sorte in questi giorni in merito al censimento della popolazione Rom e Sinti presente in Trentino, mi pare che il testo della circolare voluta da Salvini sia chiaro nell’affermare il concetto che si vogliono tutelare i diritti della persona e che questa ricognizione è fatta allo scopo di evitare l’insorgere di situazioni di degrado e di contestuale illegalità. 
Nella circolare si ribadisce infatti di agire “in sinergia con i diversi interlocutori, in primis istituzionali” al fine di tutelare il “complesso dei beni giuridici fondamentali e degli interessi pubblici primari sui quali si basa la civile convivenza”. 
L’obiettivo della circolare è promuovere l’osservanza delle regole nonché condizioni di maggiore vivibilità dei contesti urbani, con ripercussioni positive sulla salubrità dell’ambiente.
Mi pare di conseguenza chiaro che questa circolare non ha alcuna forma di contenuto populistico, diversamente da quanto affermato dall’Assessore Franzoia, che invece ha voluto puntare a una spiccia propaganda, trascurando il buonsenso e il benessere dei Trentini. 
Da parte mia quindi totale approvazione e condivisione a livello di contenuti di una circolare promessa e realizzata dal Vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Dico quindi con fermezza che una maggior sicurezza del territorio parte anche dal censimento dei rom e dei Sinti!

È questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Denis Paoli.