PAOLI: “Commissione affidi «strumento di propaganda»? Da Futura 2018 solo un triste processo alle intenzioni”

PRIMA SEDUTA CONSIGLIO PROVINCIALE DOPO ELEZIONI OTTOBRE 2018 / in foto DENIS PAOLI FOTO DI ALESSIO COSER

“Commissione affidi «inutile strumento di propaganda»? C’è da rimanere letteralmente basiti dinnanzi alla bocciatura – preventiva ma, curiosamente, già inappellabile – dei colleghi consiglieri di Futura 2018 nei confronti della neocostituita Commissione d’indagine consiliare sugli affidi familiari, voluta dalla Lega e, da oggi, presieduta dal consigliere Mara Dalzocchio.

Lo stupore deriva anzitutto dal fatto che, come detto, quella di Futura 2018 non è una bocciatura basata sul lavoro di una Commissione, ma sul senso stesso della sua esistenza. Più che una bocciatura, insomma, è un vero e proprio processo alle intenzioni, rispetto al quale non si può non rimanere senza parole. Per un motivo semplice: una Commissione d’indagine non è affatto una “caccia alle streghe”. Nei confronti di nessuno, sia ben chiaro.

Dirò di più: se al termine dei lavori della Commissione non dovessero emergere criticità né anomalie nel sistema trentino degli affidi, per la Lega sarà una vittoria; se invece qualcosa dovesse emergere, per tutti – minori in primis, chiaramente – sarà un aiuto. In ogni caso, le risultanze di questi lavori non saranno certo «inutile strumento di propaganda». Motivo per cui, ripeto, simili insinuazioni mi lasciano abbastanza perplesso e che mi confermano nell’impressione che, se in questa vicenda c’è una strumentalizzazione ai fini mediatici, questa è stata ed è opera della sinistra trentina.

Sottolineo tutto questo dopo che è stata proprio mia l’iniziativa, nella seduta costituente della Commissione di oggi, di proporre il nome della Consigliera Coppola di Futura 2018 alla vicepresidenza della stessa perché la reputo una persona di animo sensibile – adatta al fianco alla Presidente Dalzocchio, a guidare i lavori d’indagine – e perché fa parte di una lista apparentemente non collegata al Pd nazionale. Una proposta che non è stata accolta dalle minoranze, in particolare dai 5 Stelle e dal consigliere Degasperi. Motivo per cui ora spero le minoranze vogliano presto accantonare la passione polemica in favore di un contributo costruttivo che sarà certamente utile alla nuova Commissione e alla serenità stessa delle famiglie trentine”.

E’ quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Denis Paoli