Paoli: Governo giallorosso prova che i 5 stelle sono parte integrante del PD

“Con il voto favorevole della piattaforma Rousseau, il Movimento 5 Stelle ha ufficializzato il suo abbraccio mortale al Pd dei Renzi, delle Boschi e dei Lotti, motivo per cui credo che anche i colleghi consiglieri provinciali – che hanno sempre riservato alla Lega Trentino, anche durante il governo gialloverde, un atteggiamento ostile ai limiti dell’irrisione – dovrebbero comportarsi di conseguenza.

In particolare, direi che a questo punto il passaggio del consigliere Marini – che aveva annunciato pubblicamente il suo sì al governo giallorosso – nelle file del Pd trentino sarebbe poco più di una formalità, mentre il consigliere Degasperi, se fosse coerente, dovrebbe trarre le conseguenze ed iscriversi al gruppo misto, lasciando quel Movimento un tempo rivoluzionario ed oggi tristemente piddino.

Si tratta di suggerimenti in entrambi i casi non richiesti, me ne rendo conto, ma davanti a chi ieri tuonava contro il «partito di Bibbiano» ed oggi – dopo una svolta parlamentare che somiglia tanto ad un testacoda – ci si trova alleato, mi pare il minimo un richiamo a quella coerenza di cui tantissimi simpatizzanti del Movimento 5 Stelle oggi sentono la mancanza, come ci testimonia la bufera scoppiata nei giorni scorsi in rete e i contatti con i tantissimi delusi del M5S”.

E’ quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Denis Paoli