Rossato: “Tutto questo clamore sull’educazione di genere mi sorprende”

PRIMA SEDUTA CONSIGLIO PROVINCIALE DOPO ELEZIONI OTTOBRE 2018 / in foto KATIA ROSSATO FOTO DI ALESSIO COSER

Rimango alquanto sorpresa nel constatare la massiccia mobilitazione per organizzare campagne, incontri, convegni e quant’altro si voglia in merito all’educazione di genere. Sinceramente mi pare che la questione sia stata ampiamente affrontata dagli Assessori Bisesti e Segnana. Non si comprende di conseguenza come mai si debba procedere a tutti questi incontri che, nei fatti, sono un volano solo per presentare programmi che si dimostrano chiaramente orientati verso un’unica idea e non permettono una trasversalità di contenuti.

Dobbiamo pensare seriamente al benessere dei nostri bambini e lo dico, in primo luogo da madre, oltre che da Consigliere: non si può strumentalizzare un argomento delicato come l’educazione di genere, pensando di indottrinare i nostri figli con contenuti che si stanno sempre più palesando come di parte e poco rispettosi del primato educativo delle famiglie.

E’ questo quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Katia Rossato